Archivi categoria: pittura

Università dell’età Libera 2012

Buongiorno amici di Sestosguardo! Prima di tutto voglio fare i complimenti a Carlotta, che ieri ha dato la risposta giusta al nostro 19° Trivial Sesto! 😀 Invito tutti a partecipare al prossimo Trivial che sarà forse, chissà, legato a Pinocchio. E chi potrebbe indovinarlo meglio di Filippo Canali, maggiore esperto di Pinocchio a Sesto e uno dei tanti insegnanti che quest’anno terranno gli ormai famosi corsi dell’università dell’età Libera.

Partiranno il prossimo 27 settembre le iscrizioni all’Università dell’Età Libera, anno accademico 2012/2013. I corsi, disseminati sul territorio sestese spazieranno da lezioni sul benessere psico-fisico della persona e sull’autostima, alla storia dell’arte, la storia della medicina, della ceramica, il disegno, le erbe aromatiche e officinali, il linguaggio del corpo e il teatro. Nel volantino trovate l’elenco dei corsi e nel libretto tutte le informazioni dettagliate dei corsi.
Per iscriversi è necessario andare all’Ufficio Relazioni con il Pubblico (si entra dal cortile tra il comune e la vecchia biblioteca) in orario lun-ven 8.30 alle 13.30, martedì e giovedì 15.00-17.45 e il sabato 9.00-11.45. L’iscrizione costa 40 euro per i corsi da 10 ore e 80 euro per quelli da 20 ore.
Imparare è bello, e non è mai troppo tardi 😉

2 commenti

Archiviato in archeologia, arte, bellezze naturali, comune, corsi vari, cultura, letteratura, pittura, scuola, Sesto Fiorentino, storia, teatro

I corsi della Società per la Biblioteca Circolante

Hello everybody, how are you? 🙂 E come va il vostro inglese? E il francese? E il giapponese chi lo sa?
La Società per la Biblioteca Circolante offre l’opportunità di apprendere, rispolverare o semplicemente avere un’infarinatura di alcune fra le principali lingue straniere, dell’uso del computer e non solo. Da giovedì 13 settembre (o oggi per chi ha frequentato l’ultima sessioine dei corsi) sarà possibile iscriversi ai corsi, che se raggiungono la quota minima di iscritti inizieranno la settimana dell’8 settembre e termineranno a gennaio 2013. Qui trovate l’orario completo.

I corsi sono riservati ai soci: la quota sociale di iscrizione è di 9 €, mentre il rinnovo annuale è 8 €. I corsi di informatica sono riservati ai soci della Società per la Biblioteca Circolante e ai soci dell’Associazione Comunale Anziani di Sesto Fiorentino. Le iscrizioni si effettuano solamente al banco soci presso la Biblioteca E. Ragionieri. Ricordatevi, non è mai troppo tardi…e poi c’è anche chi imparando il giapponese in biblioteca ha trovato l’amore! 😉

Lascia un commento

Archiviato in arte, corsi vari, cultura, fotografia, pittura, scuola, Sesto Fiorentino

Sesto Fiorentino: AAA turisti cercasi

Cari amici di Sestosguardo, chi ci vive lo sa: a Sesto si sta dimorto bene! Resta il fatto che i turisti non la pensano così, o forse semplicemente non lo sanno.

Come si può vedere dalla statistica pubblicata sul portale Sestopromuove i dati relativi ai pernottamenti nelle strutture ricettive alberghiere sono piuttosto bassi, nonostante Sesto, grazie soprattutto alla zona industriale dell’Osmannoro, sia un importante centro economico. Abbiamo stazione ferroviaria e Aeroporto (ahimè) vicini…e sicuramente è molto più facile trovare parcheggio qui che non a Firenze. Nel 2007 era stato addirittura redatto un protocollo d’intesa con la società Firenze City Sightseeing, quella degli autobus rossi a due piani che fanno il giro turistico della città. Io non ne ho mai visto uno a giro. Il fatto è che Sesto non ha molto da offrire dal punto di vista architettonico o artistico, fatta eccezione per qualche villa, che però è privata e difficilmente visitabile, come la Villa Guicciardini Corsi Salviati (vedi foto).

Il Comune sta cercando di investire su alcuni appuntamenti che si spera diventino delle tradizioni. Sesto Estate, con i suoi bellissimi concerti ne è stato la prova per molto tempo. Credo però che il vero problema sia la qualità degli eventi. La Fiera di Primavera non ha niente di caratteristico, niente che non si possa trovare in un qualsiasi mercato. Stessa cosa per Maggio di Libri. L’intenzione è ottima sotto tutti i punti di vista, ma il risultato è pessimo. Organizzare una serie di eventi sparsi (una presentazione di un libro alla libreria rinascita, una rappresentazione teatrale alla limonaia, una mostra di quadri al centro Antonio Berti, un mercatino del libro usato una domenica di maggio a caso) e radunarli tutti sotto un unico cartellone di eventi disseminati lungo l’arco di un mese non è il modo giusto di organizzare un evento che sia bello e allo stesso tempo costruttivo (intenti con cui credo sia stato progettato inizialmente Maggio di Libri). Alcune ottime idee ci sono, ma sono forse poco seguite e sostenute: mi è dispiaciuto molto quest’anno partecipare alla serata di corti Essi Girano e vedere così poche persone al Grotta, perchè è stata una serata bella, divertente, originale e gratuita! Questo è un esempio di evento di qualità con una pessima organizzazione.

E’ vero che a Sesto si sta bene proprio perchè è una città residenziale. Non voglio certo pensare che trasformarla in una metà turistica sarebbe un miglioramento, però credo che sia necessario valorizzare nel modo appropriato non solo le imprese locali, come ho più volte sostenuto, ma anche le bellezze e gli eventi locali.

Vi lascio con un’idea: non so se qualcuno di voi l’ha notato, ma a Sesto Fiorentino non c’è un Ufficio del Turismo. E’ assurdo, dato che in Europa gli uffici del Turismo, o punti Informativi, si trovano ovunque! Credo che uno sportello informativo, ricavato magari dagli uffici comunali di Piazza Vittorio Veneto, dove si forniscono informazioni a tutti i livelli sulla città, fra cui quelle turistiche, potrebbe essere un ottimo modo per impiegare, ad esempio, i volontari del servizio civile. 😉

3 commenti

Archiviato in archeologia, arte, bellezze naturali, cinema, cronaca, cultura, decadenza, eventi, lavori pubblici, letteratura, musica, negozi, pittura, scienza e ricerca, Sesto Fiorentino, strade e itinerari, teatro, tradizioni