Sporcizia e degrado vicino alla stazione

Fiduciosi nel fatto che la situazione di sporcizia e degrado nei pressi della stazione di Sesto Fiorentino sia dovuta alla mancanza di personale del periodo estivo, pubblichiamo un video nella speranza che al ritorno dalle vacanze la situazione sia migliorata!

Se, come si vede nel video, l’area è veramente videosorvegliata pensiamo che sarebbe opportuno intervenire quando qualcuno decide di gettare bottiglie o, peggio, piumoni e materassi sul greto del torrente…voi che ne dite? 😉

Annunci

4 commenti

Archiviato in cronaca, decadenza, lavori pubblici, Sesto Fiorentino, sesto.tv, strade e itinerari

4 risposte a “Sporcizia e degrado vicino alla stazione

  1. danpapi

    Credo che il segnale di area videosorvegliata si riferisca all’interno della struttura industriale che confina col fosso.
    Detto questo occorre maggiore civiltà da parte dei cittadini (ma forse è chiedere troppo di questi tempi) e maggiori controlli pubblici. Lo spettacolo non è edificante

  2. gianna

    Una discussione sull’argomento è presente su facebook nel gruppo Abitanti di Sesto Fiorentino.
    Secondo me non si tratta di mancanza di personale addetto alla pulizia perchè a luglio la situazione era anche peggio con macchine bruciate, vetri rotti e persone a dormire con i materassi lungo il muro che delimita la fabbrica.

  3. Bastiano

    La stazione di Sesto Fiorentino, fa schifo.

    Apprezzabili i lavori per l’ammodernamento esterno, cartelli, imbiancatura, ecc… ma la sala d’attesa è stata chiusa e rimarrà chiusa per via dei ripetuti atti vandalici, o meglio… gli “ATTI VANDALICI” sono la versione ufficiale.

    Il vero motivo è la fissa (FISSA ! FISSA ! FISSA !) presenza di ROM, incalliti nulla facenti, ladri nell’anima, bivaccatori, drogati di birra e tavernello. Nonché sudici.
    Sono sempre il solito gruppo.

    Vengono a Sesto perchè a Firenze S.M.N. c’è la Polizia a marcare più stretto e più che altro gruppi di sbandati più forti che non gli fanno stare lì; e allora vengono a Sesto, stanzioncina tranquilla dove non gli dice nulla nessuno.

    La passerella che fate vedere poi porta ad un comoda zona di serivzio, sembra fatta a posta, semi-periferica, semi-degradata. Dove campeggia un bel supermercato Lidl con birre e altri prodotti a basso costo, una fontanella con l’acqua, e posteggio camper ampio.

    Cosa deve voler di più uno sbandato?
    1) servizio veloce Firenze Centro-Sesto con il treno sempre senza biglietto, quindi gratuito,
    2) acqua gratis,
    3) Lidl con birra “gratis”, perchè prima si chiede l’elemosina, poi si compra la birra.
    4) racket del “ti riporto il carello” per prendere l’euro
    5) canale regimentazione acque, che quando è asciutto ci si può dormire dentro, cucinare, trombare, ovviamente lasciando tutto il sudicio: coperte, resti di cibo, vestiti… a già! questa gente arriva talmente a puzzare tanto, ma tanto che superano anche la normale soglia di puzza personale e da fastidio anche a loro.
    I vestiti impestati ogni tanto li buttano dove capita e vanno alla Caritas e simili a prenderne di nuovi.

    Io sono un giovane ragazzo e non mi fa paura niente, anche se arrivo alla stazione alle 19:30 che è già buio.

    Una signora sola, una casalinga, una pendolare, una badante, ha da guardarsi un po’ intorno.

    Se un gruppo di Italiani va a Bucarest a fare questo in una stazione Rumena, dopo 5 secondi netti, arriva la Securitate e ti spezza le gambe con i manganelli; senta tante discussioni sull’integrazione e sull’Europa.

    Risoluzione del problema?
    lavoro.
    Facciamo una fabbrica comunale, anche due.

    Chi lavora non sta a zonzo, chi lavora sul serio non ha bisogno di aiuti per cibo, vestiti, scuola, educazione bimbi, CASA, perché ha un reddito,
    perché ha dignità.
    Questa gente invece non ha nè voglia di lavorare nè dignità.
    Usa il “ricatto sociale” del degrado e della diseducazione dei figli per ottenere aiuti e assistenza.

  4. Paolo Sizzi

    È sempre la solita storia insomma: il crimine è allogeno. Non ci si scappa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...