La protesta “Art Attack” dilaga: nuovi cartelli in via Verdi

Se vi è capitato nei giorni scorsi di passeggiare lungo via Verdi avrete sicuramente notato che  sta dilagando la moda della protesta Art Attack, così come a settembre avevamo chiamato la forma di manifestazione di un cittadino sestese contro il nuovo assetto del viale Ariosto. Pare, dunque, che questo tipo di protesta sia particolarmente indicata per esprimere la propria opinione riguardo una zona o un tratto di strada dove, appunto, viene affisso un cartello di protesta.

Cosa è successo dunque in via Verdi? Riporto per intero il comunicato dal sito del comune di Sesto: Nessun lavoro sul manto stradale di via Verdi durante il periodo collegato alle festività natalizie. Gli assessori ai lavori pubblici, Piero Bosi, e all’economia, Roberto Drovandi, hanno risposto positivamente ai rappresentanti delle categorie economiche che avevano chiesto il rinvio dell’intervento alla fine di gennaio. Nelle prossime settimane i tecnici del Comune effettueranno dei sopralluoghi per valutare la necessità di intervenire con piccoli interventi mirati per diminuire i disagi causati dal sollevamento di alcune parti del manto stradale. Saranno invece effettuate nel mese di novembre le bitumature previste in via Gramsci, nel tratto compreso tra piazza XXX Novembre e via S. Caterina.

Si tratta dunque di un braccio di ferro tra Amministrazione, sostenuta in questo caso dai commercianti di zona, e i cittadini residenti che evidentemente si sono stancati di tornare a casa ed incampare per colpa della pavimentazione dissestata. I cartelli di protesta che, come vedete dalle fotografie, sono stati messi in alcuni vasi di fiori lungo la via, riportano le seguenti frasi “Questa non è una strada: è una pessima imitazione del pianoforte di Giuseppe Verdi” e “Questo lastricato lo vogliamo bello e abbronzato di asfalto??” 😀

Ovviamente ci sono cose peggiori nella vita, ma  penso che ognuno faccia bene a tirare l’acqua al suo mulino e così facendo contribuisca a rendere noti alcuni disagi, soprattutto per quanto riguarda il degrado di alcune zone che per il resto della popolazione sono solo di passaggio. Anche a me è capitato di denunciare qui sul blog situazioni della mia zona che non mi piacevano (e per questo sono stata definita “rimaggiocentrica” 😛 ). Certo però che i protestanti non sono andati per il sottile: con i tempi che corrono dire che un lastricato è  “bello e abbronzato” è pericoloso assai! 😉

Annunci

7 commenti

Archiviato in arte, comune, cronaca, decadenza, lavori pubblici, Sesto Fiorentino, strade e itinerari, stranezze

7 risposte a “La protesta “Art Attack” dilaga: nuovi cartelli in via Verdi

  1. Ahahaha… berlusca docet!!

    Carina pero’ la protesta art-attack!!

  2. aLe

    Sì….ora va di moda! 🙂 Fra l’altro ce n’è una nuova! 😉

  3. Vaja Vaja

    MONASTERO Sant’Ambrogetta Andante da Sassocheto
    convitto delle Suore dell’Ordine
    delle Stramutate del Crepolino

    Via
    Sant’ AMBROGETTA ANDANTE
    (già Via Verdi)

  4. Alessio

    Grande Vaja! Se non altro questa proposta per il rinnovo della toponomastica del centro ha un senso, si confà maggiormente alla struttura della via e alle ultime vicissitudini riguardanti il suo lastricato. Io però sapevo che Sant’Ambrogetta era dell’Ordine delle Murate sMantellate, ti risulta?

  5. Vaja Vaja

    Ci sono diverse varianti… Nel caso nostro Sant’Ambrogetta Andante, e relativo ordine di suore delle Stramutate del Crepolino, mi pareva più calzante…

  6. Vaja Vaja

    Ah! Non so dove scriverlo… L’ho scrivo qui….

    che c’ascortano quelli di partito novo?
    eeh, da retta! Che ci legge i’ sindaco?
    Vaja vaja vaja… Oh chi lo veste? I’ sarto dell’Ofisa? Anti’hco… e fori misura… e ni’ nodo della cravatta la merenda.

    Rimette’elo in quadro!

    Gianassi vaja da’ Chiostri, se un tu cambi giacchetta e un tu le rivinci l’elezioni.

    mah… Pe’ rimané ni politico una battuta vecchia: al comizio: pane & lavoro! Pane & lavoro!
    Dice’a quello di partito… Ma un omino dalla folla: “e basta ì’ pane…”

  7. Silvino da Arcone

    La giacchetta un tu la vorsuha hambiare…
    e ce mancato dimorto…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...