28/9: ricordo di padre Eligio Bortolotti

Cari amici di SestoSguardo, ieri abbiamo parlato della protesta degli insegnanti della scuola Bortolotti. Quanti di voi conoscono la storia dell’uomo a cui è stato intitolato questo istituto?

Domani, domenica 28 settembre, la Chiesa di S. Maria e  S. Jacopo di Querceto dedicherà la Santa Messa delle 10.00 proprio al ricordo di Padre Bortolotti. Alle 11.00, dopo la messa, verrà inaugurato un bassorilievo dedicato a lui e verrà offerto un piccolo rinfresco ai presenti.

Eligio Bortolotti nacque il 28 ottobre 1912 a Por nel comune di Pieve di Bono. Il 1 agosto 1937 fu consacrato sacerdote e in ottobre fu mandato nella comunità dei Padri Giuseppini di Sesto Fiorentino. L’anno successivo fu incaricato come parroco a Querceto, dove infuse da subito il suo spirito giovanile ed innovatore.

Nell’estate del 1944, sul finire della Seconda Guerra Mondiale,  l’esercito tedesco stabilì le sue prime linee vicino alla chiesa di Querceto. Padre Eligio, che conosceva bene il tedesco, si prodigava per difendere i sestesi e molti furono i suoi provvidenziali interventi.  Alla fine di agosto i tedeschi ordinarono agli abitanti della zona attorno alla chiesa di evacuare e di lasciare aperte le case e Padre Bortolotti offrì loro rifugio. Anche quando ci fu l’occasione di fuggire padre Eligio disse “Se andate via tutti vado anch’io, ma finche rimane anche una sola persona a Querceto, io rimango qui”. Il 3 settembre, dopo una notte di pioggia incessante, parlò con i soldati tedeschi che sostavano in permanenza vicino alla chiesa offrendo loro riparo e invitandoli ad arrendersi.

Il 4 settembre due soldati tedeschi lo scortarono alla sede del Comando, dove fu interrogato e torturato. Nella mattina del 5 settembre i tedeschi costrinsero due deportati a scavare una fossa vicino al torrente. Verso le ore 11, allontanati tutti i civili della zona, i tedeschi presero padre Eligio, lo condussero alla fossa, forse gli bendarono gli occhi con un cencio che poi fu trovato lì vicino, quindi lo uccisero: sei colpi al petto e due alla testa. Gettatolo nella fossa e ricoperto con poca terra, se ne tornarono al loro accampamento e fecero baldoria. In quella stessa sera due sottufficiali tedeschi dissero ad un giovane di un paese vicino: “Oggi, ore 11, avere ucciso Pastore. Grande spia. Incitare tedeschi alla rivolta. Quando morire baciare il Crocefisso.”

Per informazioni più dettagliate vi rimando allo scritto di frate Angelico Boschetto,  da cui ho tratto questa storia, che trovate sulla pagina Martirio di Padre Eligio Bortolotti.

2 commenti

Archiviato in arte, cronaca, cultura, eventi, personaggi, Sesto Fiorentino, storia, strade e itinerari, tradizioni

2 risposte a “28/9: ricordo di padre Eligio Bortolotti

  1. Il Link allo scritto di frate Angelico Boschetto, da cui è tratta la storia del “Martirio di Padre Eligio Bortolotti“ ora è all’indirizzo:
    http://www.valdifiemme.it/parrocchia.molina/eligio.htm

    pace e bene
    fra angelico

  2. Pingback: Primo Settembre 2012: Felice Festa della Liberazione a tutti i sestesi | SestoSguardo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...