5 giugno: Pinocchio a Sesto Fiorentino

pinocchio

Cito una mail di Filippo Canali, già vincitore di alcuni Trivial Sesto e autore dell’ultimo articolo di Metropoli dedicato a SestoSguardo:

Colgo l’occasione per invitare tu e tutti gli amici del blog alla presentazione della ristampa del libro “Pinocchio in casa sua” di Nicola Rilli, di cui sono il curatore, che racconta di come uno studioso “immigrato” a Sesto abbia ricostruito gli ambienti di fine secolo dove si suppone sia stato ambientato “Le avventure di Pinocchio”, che sono prevalentemente dislocati tra Castello, Sesto e Peretola. Tutto questo grazie ad interviste fatte a conoscenti ed amici di Carlo Lorenzini all’indomani della sua morte. […] La presentazione sarà giovedì 5 giugno dalle 20 in poi presso la Villa San Lorenzo al Prato in via Scardassieri a Sesto.

Ecco il programma della serata di domani 5 giugno 2008 (per maggiori informazioni cliccate qui):

LA VALORIZZAZIONE DEI LUOGHI DI PINOCCHIO, CAVALCANDO TRA LA FANTASIA E LA STORIA

Moderatore:

Filippo Canali (Giornalista di Metropoli che ha curato la ristampa del libro)

Relatori:

Andrea Banchelli (Assessore Turismo Comune Sesto Fiorentino)
Anna Soldani (Consigliere Comunale Firenze)
Roberta Turchi (Docente Università di Firenze)
Fabrizio Nucci (Direttore di Metropoli)
Massimo Rollino (Presidente Pro Loco – PRO SESTO AT)
Maria Cristina Rilli (figlia dell’autore)
Maurizio Bruschi (Consigliere Quartiere 5 Firenze)
Patrizia Mazzoni (Coordinatrice del progetto “Sulle tracce di Pinocchio”)

La serata si articolerà nel seguente modo:

ore 20 aperitivo
ore 21.00 inizio interventi dei relatori
ore 22.30 interventi e domande del pubblico

Già lo scorso anno su questo blog avevamo parlato delle Avventure di Pinocchio (qui trovate la storia completa accompagnata da fotografie molto simpatiche) e delle sue origini sestesi. L’incontro di domani sarà l’occasione ideale per dare una risposta ai quesiti che erano rimasti aperti.

Sono contenta che qualcuno si stia muovendo in quella che io ritengo una giusta direzione: valorizzare le ricchezze di Sesto che non ruotano unicamente attorno alla ceramica. Sul portale SestoPromuove è stata pubblicata un’interessante guida agli itinerari di Pinocchio scaricabile in formato pdf. Mi auguro che in futuro si continui a lavorare per promuovere questi luoghi. Ricordiamoci che oltreoceano c’è chi ha fatto i miliardi con la storia del burattino bugiardo…

Infine, abbiamo già avuto modo di citare nella rubrica “Toponomastica sestesevia de’ Rondinelli di Firenze, lungo la quale si trova il Palazzo Ginori dove abitò, come ricorda una targa sulla facciata, Carlo Lorenzini, ospite del fratello che amministrava per conto dei Ginori la manifattura di porcellana Ginori. Al piano terra si trova tutt’oggi infatti un negozio della produzione di Doccia. Che dire…niente sembra essere lasciato al caso! 😉

targa su palazzo ginori di firenze

Targa apposta sulla facciata del Palazzo Ginori in via de’ Rondinelli 7, Firenze

Annunci

5 commenti

Archiviato in arte, cultura, eventi, letteratura, personaggi, scuola, serata possibile, Sesto Fiorentino, storia, tradizioni

5 risposte a “5 giugno: Pinocchio a Sesto Fiorentino

  1. Pingback: “Pinocchio in casa sua - da Firenze a Sesto Fiorentino” di Nicola Rilli « SestoSguardo

  2. marco giachetti

    E’ una tradizione molto antica, che Rilli, a modo suo, raccolse e riordinò; già nel novembre 1940 un autore per bambini, Bino Samminiatelli, su Le Vie d’Italia, riconosceva luoghi di Sesto, Castello e dintorni, nel racconto di Pinocchio, ma doveva essere una tradizione orale trasmessa dal tempo in cui Lorenzini, accanito giocatore di carte, si recava all’osteria Soldi a Castello. (Per me lui, con la Fata Turchina -Giovanna Ragionieri da scapolone incallito, ci aveva provato!!)
    Che dire poi del negozio Ginori di via Rondinelli, nel pian terreno abitava come casiere il Bittini, padre della filantropa Mariannina, dell’orfanotrofio dell’Immacolata di Sesto, che raccolse il Collodi morente, nell’androne del palazzo. Devo controllare in biblioteca, ma mi sembra che il Lorenzini abbia scritto proprio una guida del Museo di Doccia.
    Questa tradizione fu poi ripresa da Piero Guarducci ne “La Soffitta I-1964 e successivamente sul periodico “Milleottocentosessantanove” della Biblioteca SF

  3. aLe

    Caro Marco, ci farebbe molto piacere se ci comunicassi se in Biblioteca trovi la guida al Museo di Doccia scritta da Lorenzini. Comunque io ed Alessio siamo curiosi riguardo tutte le pubblicazioni che trattano di Sesto, quindi ogni consiglio è ben accetto! 😉

  4. Francesca

    Mi piacerebbe acquistare anche a me il libro… perché, come nipote di sestesi doc, ho sentito in casa diverse “leggende” riguardo ai posti e ai personaggi di “Le avventure di Pinocchio”… la nonna del nonno della mia amica della famiglia Ragionieri che si diceva essere la famosa “Fata turchina” e il nonno di mio nonno, della famiglia Grazzini (detti Pappoa), che girava voce essere proprietario della famosa “Osteria del Gambero rosso”… ma chissà forse solo voci ma a me piace crederci!

  5. aLe

    Ciao Francesca, credo che tutte queste informazioni potrebbero interessare davvero molto al curatore del libro, Filippo Canali. Ti lascio il link al suo blog, sicuramente ti aiuterà anche a trovare una copia del libro! 😉 http://paesedeibarbagianni.blogspot.it/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...