23 maggio: fiabe, America Latina e USA

america latina e usa

Ecco i due appuntamenti di venerdì 23 maggio nell’ambito di Maggio di Libri:

Alle ore 18 presso il Palazzo Pretorio (via Gramsci, 330) La favola in mostra – Inaugurazione della mostra dedicata alle favole nella loro storia editoriale (visitabile fino al 25 maggio).

Alle ore 21 presso la Sala “Pilade Biondi” del Palazzo Comunale si terrà la presentazione del libro di Pier Francesco Galgani “America Latina e Stati Uniti. Dalla dottrina Monroe ai rapporti di W. G. Bush e Chavez”. Insieme all’autore parteciperanno l’ ambasciatore del Venezuela in Italia Rafael Alejandro Lacava Evangelista e il prof. Antonio Annino dell’Università di Firenze. L’evento è stato organizzato dall’Associazione Pro Loco e dal Comune di Sesto Fiorentino.

IL LIBRO: Il 20 settembre 2006, al Palazzo di Vetro delle Nazioni Unite, il presidente venezuelano Hugo Chávez si alzò dal suo scranno e prese posto sulla tribuna da dove gli oratori si rivolgono alle nazioni riunite nell’Assemblea Generale. Il discorso che stava per pronunciare sarebbe stato ricordato come uno dei più duri mai rivolti verso un presidente americano e il governo degli Stati Uniti. Le parole di colui che si appellava all’eredità di Simón Bolívar furono l’ultimo atto di un processo sociopolitico più vasto, che nel corso dell’anno aveva condotto a mutamenti impensabili. Il provocatorio attacco di Chávez alle Nazioni Unite contro George W. Bush era solo il punto di arrivo di un anno particolare per l’America Latina, dodici mesi in cui diversi candidati progressisti erano riusciti a prevalere nelle elezioni presidenziali. I trionfi di Evo Morales in Bolivia e Michelle Bachelet in Cile, o la rielezione di Ignacio Lula da Silva in Brasile destarono molta impressione e, tra gli osservatori vicini alla realtà sudamericana, si diffuse la convinzione di assistere a un graduale spostamento a sinistra degli equilibri politici, la conferma che l’America Latina si stesse gradualmente svincolando dall’egemonia statunitense, dal Washington Consensus e dalle sue rovinose prescrizioni economiche neoliberali. Partendo da questi presupposti, di cui il volume analizza i motivi economici, politici e sociali, l’autore s’interroga sul futuro del subcontinente latinoamericano: dalla reazione di Bush e dalla capacità di Chávez, in particolare, di estendere la “rivoluzione bolivariana” tra i Paesi sudamericani e di rafforzare il processo di integrazione continentale, sostenuto anche da Lula da Silva, dipenderà il definitivo affrancamento dell’America Latina dal suo passato. (tratto da laFeltrinelli.it)

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in arte, comune, cultura, eventi, letteratura, personaggi, pittura, serata possibile, Sesto Fiorentino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...