“Il Bohémien e la Luce” di E. Pagni

Certaldo, Perugia, Londra, New York. E molti altri luoghi, persone e ricordi nelle fotografie di Emanuele Pagni, poliedrico artista sestese, amico e gentiluomo.

“Il bohémien e la luce”, questo è il titolo della sua mostra personale che fino al 10 dicembre sarà visitabile al primo piano della libreria Martelli (via Martelli 22/r, Firenze).

Ventisei “scatti rubati” in diverse città del mondo che vogliono raccontare la poesia del quotidiano attraverso “i gesti normali di gente comune, in situazioni normali”.

Le fotografie sono sviluppate come se fossero fotogrammi sospesi nel tempo, che trovano il loro sviluppo nell’immaginazione e nella fantasia dell’osservatore.

L’idea è quella di cogliere l’immagine nell’espressione istantanea del momento, e che trova una sua ulteriore evoluzione nell’uso dei colori o del b\n usati.

Il compito di chi guarda è quello di percepire e di sviluppare personalmente la prima sensazione o la prima emozione avvertita.

“Questo lavoro ha origine anche dal confronto e dalla collaborazione con l’amico e giornalista Dr Juri Lombardi”. (tratto da libreriamartelli.it)

A mio parere una bellissima mostra che reinterpreta in chiave moderna la fotografia neorealista, talvolta colorandola e portandola fuori dall’Italia alla ricerca di quello che lo stesso artista definisce un primo impulso per una sorta di “pensiero che muove e che si sviluppa autonomo” in un incontro tra il foto-giornalismo di reportage e la foto artistica.

Spero che presto potremo vedere le opere di Emanuele anche a Sesto!😉

8 commenti

Archiviato in arte, cultura, eventi, fotografia, personaggi, Sesto Fiorentino

8 risposte a ““Il Bohémien e la Luce” di E. Pagni

  1. Desiderio

    E’ stato incredibile vivere in prima persona l’emozione di scatti così profondi. Fra le righe del tuo bianco e nero hai saputo raccontare una storia spesso lontana, ma così vera e presente. Ci hai restituito l’idea di un mondo dove la poesia delle forme prende vita e si anima, costruendo quell’universo parallelo dove i confini si annullano e le immagini parlano. Guardando queste foto si avverte una chiara sensazione: gli occhi sono il veicolo attraverso il quale le tue emozioni diventano le nostre. Non esiste dono più grande se non regalare qualcosa di sè agli altri…bravo Ema, grazie mille. Un abbraccio e a presto.
    Desiderio…

  2. Pingback: “Universo di celluloide” di I. Lombardi « SestoSguardo

  3. LOLA

    My name is Lola Claros, I am a spanish friend of emanuele pagni, i am trying to contact him for a while now, last time a talked to him was one year ago, he was going to leave in london…please, if any one have any contact details if him, please, let me know at: ***

    thank you very much!
    lola

  4. i ragazzi del canile

    bravo ema!!!!!!! sei sempre il migliore!
    ti sosterremo sempre!

  5. Rita

    Ema sei veramente in gamba!!!la tua Amica Rita

  6. culo

    Vai…. bravi frocioni!!!

  7. Anche dai tuoi lavori si riesce a capire che persona stupenda e speciale sei, continua così!!!
    un abbraccio, con tanto affetto!!!
    Caterina

  8. Anna

    Sei un uomo perfetto!
    Ho visto i tuoi scatti e ti ho conosciuto…Grazie per le emozioni che trasmetti…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...